Costruzione Piscina: IVA applicabile

L’argomento relativo alle aliquote IVA applicabili alla costruzione di una piscina è sicuramente molto complesso.

L’incertezza su quale aliquota debba essere applicata deriva dai diversi possibili scenari che possono crearsi.

I quesiti più frequenti in merito di costruzione piscina e IVA applicabile sono i seguenti:

  • Qual è l’aliquota IVA corretta da applicare nella costruzione della piscina in un contesto di “prima casa”?
  • Qual è invece l’aliquota IVA corretta da applicare qualora la piscina venga realizzata in un contesto di “non prima casa”?
  • Vi è diritto ad un bonus fiscale Irpef in un contesto di ristrutturazione della piscina?
  • Quale aliquota IVA viene applicata sulle spese di ristrutturazione piscina?
  • Cosa cambia se la piscina viene realizzata contestualmente alla costruzione della casa o se avviene in seguito?

Di seguito una tabella relativa alle Aliquote per la costruzione piscina e IVA applicabile.

costruzione piscina iva applicabile tabella
costruzione piscina IVA applicabile

In sintesi:

  • sulle abitazioni «di lusso» e per le realizzazioni di opere sulle relative pertinenze, è sempre applicabile l’aliquota IVA ordinaria (ad oggi del 22%).
  • la piscina costruita in un secondo momento rispetto all’abitazione ovvero, sulla pertinenza “successiva alla prima”, sconta l’aliquota 10%
  • la ristrutturazione della piscina, fatta eccezione nel caso in cui siamo nel contesto di immobile “di lusso” nel qual caso sarà incisa dall’aliquota del 22%, è sempre soggetta all’aliquota IVA del 10%, a nulla rilevando che si tratti di 1^ casa o meno; per quel che riguarda la fruizione del bonus fiscale Irpef del 36%, sono invece a beneficio di tutti i tipi di immobili su riportati
  • l’applicazione di un’aliquota IVA diversa dal 22%, tanto per appalti quanto per acquisti, il committente o cessionario deve sempre rilasciare all’appaltatore o venditore la specifica dichiarazione che giustifichi la richiesta di agevolazione a seconda delle varie fattispecie invocate

N.b.

Riferimenti normativi:

  • dPR 23.10.1972, n. 633
  • 1 Tariffa Parte I^, nota 2-bis) dPR 26.04.1986, n. 131
  • M. 02.03.1994, n. 1/E
  • M. 30.11.2000, n. 219
  • M. 01.03.2001, n. 19/E
  • M. 12.08.2005, n. 38/E
  • M. 39/E del 17.03.2006
  • AdE Guida 2007 sulle Ristrutturazioni Edilizie

Fonte: Professione Acqua

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *